Il Pentacolo (Salmo): testo-video ufficiale

Death-USB.jpg

Il Pentacolo, è il titolo del nuovo singolo di Salmo, rapper di Olbia che figura tra le promesse del nostro rap.

Quest’inedito, fa da apripista al suo nuovo album intitolato “Death Usb”, la cui data di rilascio, è prevista per il 23 febbraio 2012.

Nella clip ufficiale che trovi dopo il salto, l’artista si trova faccia a faccia col Demonio, e sembra che entrambi si temano.

Disponibile anche il testo del brano.

Video Ufficiale Il Pentacolo – Salmo


Testo Il Pentacolo

Sto sull’Akai come cobra più trash di fresh moda
in mano la bottiglia in fiamme come un no global
flow supernova in orbita tra le stelle contratti parcelle
guardo serpenti cambiare pelle
corro lungo le yard best regard
ogni artista ha un prezzo il mio nome impresso sulle Mastercard
l’Italia del burlesque travestite troie dell’Est
facce da micro punta peggio che all’Oktoberfest
chiedevi che farò da grande
nuoto tra gli squali cravatta nella mia borsa di sangue
vediamo che creatura musica italiana spazzatura
vestono i tuoi panni scrivono canzoni su misura
e c’è chi ancora lo sente ma non lo ascolta
sali sul palco come fosse la prima volta
e c’è chi ancora lo sente ma non lo ascolta
sali sul palco come fosse la prima volta
cercano sè stessi oltre i buchi della serratura
spesso i compromessi sono l’unica chiave di lettura
e il tuo disco è da paiura
ma non hai venduto un disco la tua etichetta è una fregatura
resti solo tu e la tua paura
forse non hai capito mai stato tuo amico
mai visto e sentito dalla parte del nemico
pagano caro tutto quello che ho
questa è ma-chete flow (eeoh!)
tutto quello che ho sempre voluto
prendermi ciò che mi spetta senza chiederti aiuto
mani intrecciate come i corpi sotto il velluto
l’ultima preghiera l’ultimo saluto il contratto scaduto

[RIT.]
Per quanto espandi il tuo nome
siamo solamente ciò che la mente presuppone
e se firmo sul contratto con il simbolo del pentacolo
è perché stai facendo un patto col diavolo
per quanto espandi il tuo nome
siamo tristemente ciò che la mente presuppone
e se firmo sul contratto con il simbolo del pentacolo
è perché stai facendo un patto col diavolo

Meglio povero in canna
che un perfetto fallito col dito sul grilletto
l’ultimo colpo in canna
fanno a gara a lasciarti i segni sul corpo come (Yara)
io sto sul fondo del pozzo come (Sarah)
senza musica è dialettica
a quest’ora starei in un bagno a sperimentare qualche droga sintetica
e c’è chi ancora lo sente ma non lo ascolta
sali sul palco come fosse la prima volta
forse non hai capito mai stato tuo amico
mai visto e sentito dalla parte del nemico
pagano caro tutto quello che ho
questa è ma-chete flow (eeoh!)
tutto quello che ho sempre voluto
prendermi ciò che mi spetta senza chiederti aiuto
mani intrecciate come i corpi sotto il velluto
l’ultima preghiera l’ultimo saluto il contratto scaduto

[RIT.]
Per quanto espandi il tuo nome
siamo solamente ciò che la mente presuppone
e se firmo sul contratto con il simbolo del pentacolo
è perché stai facendo un patto col diavolo
per quanto espandi il tuo nome
siamo tristemente ciò che la mente presuppone
e se firmo sul contratto con il simbolo del pentacolo
è perché stai facendo un patto col diavolo

testo tratto da Tuttogratis

Lascia un Commento